Senegal: informazioni e notizie

senegal_flag

Il Senegal è un paese dell’Africa occidentale. Confina con l’oceano Atlantico ad ovest, con la Guinea-Bissau a sud, a sud est con la Guinea, con il Mali ad est e la Mauritania a nord. Il Gambia è quasi un’enclave del Senegal al centro della costa occidentale.
Il Senegal, è una Repubblica ed è il paese più occidentale dell’Africa, deve il suo nome al fiume Sénégal che attraversa il paese da est a nord. Il Senegal ricopre una superficie di quasi 197.000 chilometri quadrati, e ha una popolazione stimata di circa 13 milioni di abitanti. Il clima è tropicale con due stagioni: la stagione secca e la stagione delle piogge. La capitale del Senegal è Dakar. Durante il 17 e il 18°secolo, numerosi posti di scambio appartenendo a vari imperi coloniali europei sono stati stabiliti lungo la costa. La Francia ha preso il controllo del Senegal nel 1677.

Al Senegal è stata concessa l’indipendenza dalla Francia nel 1960.
Principali industrie del paese riguardano la lavorazione del pesce, fosfato estrazione mineraria, produzione di fertilizzanti, petrolio, raffinazione, materiali da costruzioni, costruzione navale e riparazione.
Arachidi, canna da zucchero, cotone, fagioli verdi, pomodoro industriale, pomodorini, melone e mango sono importanti colture.

La storia del Senegal

La storia del Senegal risale all’ VIII° secolo, quando faceva parte dell’Impero del Ghana. Questo impero scemò nel tempo, durante il 13° e il 14° secolo nacque e fiorì il Regno di Djolof, nella zona tra il fiume Senegal e Dakar.
Agli inizi del 1500, i commercianti portoghesi avevano preso contatto con i regni costieri, che durarono fino al XVI° secolo. Successivamente succedettero i britannici, francesi e olandesi, che speravano di ottenere il controllo di St-Louis e l’isola di Gorée, punti strategici dove la tratta degli schiavi ebbe espansione con il trasferimento per le Americhe.
St-Louis nel 1659 venne conquistata dai francesi, e successivamente tutto il Senegal fino alla fine del XIX secolo, la città di Dakar è stata costruita come centro amministrativo. Nel 1848 il Senegal ebbe eletto come primo rappresentante deputato al Parlamento francese, ma solo nel 1914 che è stato eletto il primo deputato africano, Blaise Diagne. Fu seguito da una generazione di politici neri guidati da Lamine Gueye e Leopold Senghor. Alla vigilia dell’indipendenza, il Senegal si unì al Sudan francese per formare la Federazione del Mali. La Federazione ottenne l’indipendenza nel 1960 e due mesi dopo il Senegal divenne una Repubblica sotto la presidenza di Leopold Senghor.
Alla fine del 1980, Senghor lasciò la presidenza del paese, e il suo posto fu preso da Abdou Diouf, di cui nel 1984 si è verificata una grave crisi, quando si scoprì che circa 700.000 tonnelate di arachidi (circa tre volte la quantità esportata) sono stati contrabbandati in paesi limitrofi dai contadini, causa l’aumento delle tasse. Nel 1989, un piccolo incidente al confine di Senegal-Mauritania ha creato gravi disordini in entrambi i paesi in cui morirono molte persone. il confine fu chiuso e le relazioni diplomatiche sono state interrotte fino al aprile 1992.
Nel 1990, ci sono stati gravi scontri nella regione Casamance tra l’esercito e ribelli separatisti. A parte la sofferenza causata alla gente locale, il combattimento colpì l’industria turistica del Senegal. Ciò aggiunta ad una già disperata situazione finanziaria del Senegal. Nel 1993 gli scontri più violenti si sono verificati in Casamance, dopo le elezioni in cui Diouf è stato eletto Presidente per un terzo mandato. Dopo lunghi negoziati, un cessate il fuoco è stato dichiarato nel luglio di quell’anno e nella pace mesi seguente ritornò Casamance. Dall’inizio del 1994, i primi turisti avevano cominciato a tornare e a visitare il paese ., Mentre in altre parti del paese, le cose erano lungi dall’essere pacifiche. Il governo ha introdotto una serie di misure di austerità, che condussero a uno sciopero generale di un giorno all’inizio di settembre con conseguenti sporadici stati di agitazione a Dakar e in altre città durante i mesi seguenti. La svalutazione del CFA nel gennaio 1994, inoltre ha provocato altre dimostrazioni. Nel febbraio 1994, centinaia di persone hanno marciato sul Palazzo presidenziale di Dakar e sei poliziotti di guardia secondo come riferito sono stati uccisi. Il leader dell’opposizione popolare Abdou-laye Wade fu arrestato e accusato di cospirazione. Il clima nei mesi successivi nella città di Dakar è rimasto teso ma tranquillo, e Wade venne rilasciato nel maggio 1994. Due mesi più tardi, i funzionari francesi visitarono il Senegal tentando ad incoraggiare il Presidente Diouf ad includere Wade nel governo.

La capitale del Senegal, Dakar

E’il punto più occidentale dell’Africa. Il paese, leggermente più piccolo del Dakota del sud, circonda il Gambia su tre lati ed è delimitato a nord dalla Mauritania, a est con il Mali e a sud con la Guinea e Guinea-Bissau.
Il Senegal è principalmente un paese pianeggiante, con una zona semi-desertica nel nord e nel nordest, e foreste nel sud-ovest. I più grandi fiumi sono il Senegal a nord e il Casamance nella regione meridionale tropicale clima.

Religione

Religione e credenze occupano un posto importante nella vita quotidiana della nazione Senegalese. Una grande maggioranza (92%) della popolazione Senegalese è musulmana, principalmente Sunni di Maliki scuola di giurisprudenza con influenze Sufi. Cristiani (principalmente cattolici) rappresentano il 2%. Credenze tradizionali sono ufficialmente praticate dal 6% della popolazione, come la maggioranza dei membri delle altre religioni spesso partecipano a pratiche tradizionali. In Senegal viene praticata per la maggioranza la tolleranza religiosa.

Lingua

Senegal è un paese multilingue – Etnologiche ne elenca 36 lingue oltre al francese, lingua che è stata ereditata dall’epoca coloniale ed è la lingua ufficiale del Senegal. Viene utilizzata dall’amministrazione ed è compresa da circa il 15 – 20% di tutti i maschi e di circa 1 – 2% di tutte le donne. Il Senegal è uno Stato membro dell’OIF(Organisation Internationale de la Francophonie). Un Senegalese, Abdou Diouf, ha ricoperto la carica di segretario esecutivo dell’OIC tra il 2003 e il 2014.
Molte delle lingue senegalesi hanno lo status di “lingue nazionali”: Balanta-Ganja, Hassaniya, Jola-Fonji, Mandinka, Mandjak, Mankanya, Noon (Serer-Noon), Pulaar, Serer, Soninke e Wolof.
Il Wolof insieme alla lingua francese sono le lingue parlate in Senegal, come prima o seconda lingua (80%).
Lingue madre parlate includono Soninke e Mandinka. Jola (Diola) è la lingua principale della regione Casamance. Il dialetto creolo della Guinea, basato sul portoghese è parlato anche in questa regione. Nel 2008 il Senegal, grazie ai suoi collegamenti storici di colonizzazione portoghese in Casamance, fu ammesso come socio osservatore in CPLP (comunità dei paesi di lingua portoghese).
Un rapporto dell’ l’alto consiglio dei Paesi Francofoni di Parigi ha dichiarato nel 1986 che in Senegal, 60.000 persone parlava francese come prima lingua e 700. 000 parlava francese come seconda lingua. La popolazione totale del Senegal al momento è di circa 6,5 milioni di abitanti.

Meteo

Il periodo migliore per visitarla è ottobre-giugno, quando è più fresco, asciutto. Il momento più sicuro per evitare la pioggia è metà novembre-aprile, ma è caldo e umido durante il giorno (ma si raffredda di notte). Durante la stagione delle piogge, luglio-settembre, l’umidità diventa molto alta e i giorni sono molto caldi. E non è consigliato andare. (importante sapere che nella parte meridionale del paese, la stagione delle piogge può estendersi fino ad ottobre).

Requisiti e visti

Non sono richiesti per i cittadini Benin, Burkina Fasso, Canada, Repubblica Centrafricana, Congo, Paesi UE, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Israele, Costa d’Avorio,Giappone, Liberia, Mali, Mauritania,Marocco, Niger, Nigeria, Sierra Leone, Sudafrica, Taiwan, Togo, Tunisia, UK e USA i passaporti devono essere in corso di validità. I cittadini di Australia e Nuova Zelanda devono richiedere un visto. Per i cittadini statunitensi e canadesi: è richiesto un passaporto valido per almeno 6 mesi, ma non è necessario se il soggiorno non supera i 90 giorni visto.

Attività

Le migliori spiagge del Senegal si trovano nella regione di Casamance intorno a Cap Skiring. Più vicino a Dakar, Scopri le spiagge di Plage Bel-Air e le spiagge di N’Gor, Malika-sur-Mer e Yoff. Dove si possono affittare tavola a vela o praticare lo sci nautico in molte di queste spiagge, il Kayak Club di Dakar organizza gite in kayak sui fiumi e lungo la costa. La costa al largo della Pointe des Almadie offre alcune delle più belle aree marine per immersioni subacquee dell’ Africa occidentale. In particolar modo le acque intorno a Îlede N’Gor, la zona di Almadies e Île de Gorée. Il periodo migliore per le immersioni va da febbraio ad aprile.
Grazie al clima fresco di Dakar fare jogging è una opportunità unica in Africa. La maggior parte degli hotel principali dispongono di campi da tennis e da squash. Escursionismo è dl’attività più preferita dai turisti nella Regione di Casamance, in particolare il Parc National de Basse Casamance, mentre gli appassionati di bird watching si consiglia di visitare il: Parc National aux Oiseaux du Djoudj, il Parc National de la Langue de Barbarie e il Delta del Siné-Saloum.

Valuta & Salute

Cambiare travelers’ cheque a Dakar non è difficile, ma nel resto del Paese è meglio avere gli Euro. Alcune banche danno anticipi in contanti con carte Visa, ma a volte solo per carte di credito francesi, in quanto sono più facili da verificare. Il processo può richiedere 24 ore. Ci sono banche in tutte le principali città e all’aeroporto di Dakar. La contrattazione è comune nei mercati. Per i visitatori in Senegal sono obbligatorie le vaccinazioni’ contro la meningite e la febbre gialla da fare almeno due settimane prima della partenza. Si consiglia inoltre di portare con sé pillole anti-malaria, soprattutto per coloro che visitano il paese durante la stagione delle piogge (da giugno a settembre).

Mance

Grandi alberghi e ristoranti di solito includono una tassa di servizio pari al 10-15%.

Informazioni di sicurezza

La maggior parte delle visite a Senegal si svolgono senza problemi di sicurezza, ma si invita ad una maggiore attenzione nelle strade di Dakar.. Si consiglia di nascondere gli oggetti di valore e non esporli all’occhio pubblico. Si sconsiglia di fare jogging in strada nella regione Casamance ad ovest di Kolda a causa delle attività dei gruppi separatisti ribelli.

Usanze locali

In Senegal la maggioranza della popolazione è musulmana, generalmente è una società conservatrice dove abito e comportamento dovrebbe essere composto, soprattutto fuori dalle principali zone turistiche. Esposizioni al pubblico troppo di affetto tra uomini e donne dovrebbero essere evitate, e gli atti di omosessualità sono illegali. Gli stati di ubriachezza sono ritenuti molto offensivi. Usanze religiose devono essere rispettate, in particolare durante il mese sacro del Ramadan quando mangiare, bere e fumare sono vietate dalla fede musulmana; i visitatori dovrebbero evitare di mangiare e bere in pubblico durante questo periodo.